CHK7
vicino

Perché 7

  • 7 ° nella mia prima gara di Coppa del mondo
  • Ho preso 77 nella mia prima gara della 500cc ad Albacete
  • I 7 continenti del nostro pianeta
  • Nato nella 7a regione della Catalunya (Spagna)
  • 7 giorni a settimana
  • Le 7 note musicali
  • Le 7 meraviglie del mondo
  • 7 vite ha il gatto
  • I 7 nani di Biancaneve
  • I peccati capitali 7
  • Chakra 7
  • I 7 giorni della creazione
  • Le 7 sfere del drago
  • I 7 samurai (Akira Kurosawa)
  • Gli stivali magici dei "7 campionati"
  • Sette, il film
  • 7 donne (John Ford)
  • Agente 007
  • The Magnificent 7 (John Sturges)
  • 7 anni in Tibet
  • Le 7 stelle di OSA MAYOR
  • Le 7 età dell'uomo (Shakespeare)
  • Il mistero delle 7 sfere (Agatha Chirstie)
  • I 7 mari della terra
  • I 7 colori dell'arcobaleno

Origine

SEMAFORO VERDE!

L'immaginazione umana spesso provoca che quando guardiamo indietro e ricordiamo le cose con la prospettiva, tutto acquisisce un significato che, a volte, ha poco a che fare con la realtà del momento in cui è successo. È così che il mio è iniziato con le motociclette; la mia vita; 20 anni di competizione. Ci sono amori che sorgono perché sì e così è successo a me.

freccia precedente
prossima freccia
cursore

Mia madre mi ha dato alla luce a Manresa, vicino alla mia città natale di Sant Fruitós de Bages e, mentre mio padre si affrettava a vedermi al centro medico, ha avuto un grave incidente in moto che ha causato una frattura alla gamba aperta. Ha chiesto di essere portato nello stesso centro dove stavo per nascere, ma non c'era un servizio traumatologico, quindi, dopo tre giorni, mia madre dovette portarmi a vederlo all'ospedale dove fu ricoverato. È così che è iniziato tutto; la mia vita in cui la competizione era già rappresentata come una famiglia dal nome di mio nonno materno e il mio genitore: Carrera.

Fin da bambino ero appassionato di velocità. Ma non solo velocità. Ero molto irrequieto e mi piacevano tutti gli sport. Ho giocato a calcio, fatto atletica e non sono mai sceso dalla bici fino a quando mio padre non ha iniziato a guidarmi con una moto di prova sulle strade vicino a casa nostra. Con 11 anni e ogni volta che ne ho avuto l'opportunità, ho iniziato a fare del male con il nonno Vespino e con una variante Derbi del mio insegnante di disegno Pep Creus. Quando ho compiuto 12 anni, mio ​​padre si è presentato con un Mecatecno a scuola mentre eravamo in pausa. Il problema era che mi permetteva di usarlo raramente ed era così che ho imparato a sbloccare i blocchi da usare ogni volta che potevo. A quel tempo non sapevo nemmeno cosa significasse competere, volevo solo giocare e divertirmi con gli amici confrontando le nostre abilità e padroneggiando la piccola velocità di quel Mecatecno di cui ho ricordi così belli. Più di una volta, ha dovuto recitare in una mitica persecuzione in città con la Guardia civile alle calcagna come nei migliori film d'azione!

Il Der8 TT13 di seconda mano che mio nonno mi ha comprato con XNUMX anni dopo aver insistito e lavorato con lui in giardino e in fattoria per tutta l'estate, l'ho ereditato dal mio caro amico Toni Penadés che in seguito mi ha aiutato nei miei inizi nel la concorrenza. Questa moto mi ha già permesso di andare sulle strade a bruciare benzina e persino di gareggiare in una gara di paese. Anche in alcuni test di resistenza dei ciclomotori. Ho persino vinto quello che è stato suonato nella mia città. Avevo preso contatto con l'asfalto e cominciavo a capire che mi piaceva molto la velocità. A quel tempo ho studiato automobilistico e fatto lo stage nell'officina del buon amico Toni Elías.

A quel tempo, con un gruppo di buoni amici del motore di Sant Fruit, che più che amici erano una famiglia che finì per diventare Escuderia Sant Fruitós) guidata dal meccanico Lluis Juárez e Lluís Joan Vila e una Honda NSR 80, ho gareggiato per la prima volta in velocità , nel circuito di Can Padró, vicino a casa e poiché non era male, siamo andati a Jarama, dove mi sono qualificato secondo e ho anche finito per partecipare al campionato di Catalogna. È così che siamo andati.

Prima di iniziare la stagione successiva, non avevamo budget, ma Rieju con Ginés Perez alla testa, ha richiesto i test sul circuito di Calafat. Mi hanno scelto e ho corso con loro i Campionati di Spagna (Criterium Solo Moto) e Catalunya, raggiungendo entrambi i titoli nel 1991. La mia avventura nella competizione era già iniziata.

Ho un ottimo ricordo dei miei inizi nella competizione perché non ci saremmo mai aspettati nulla in cambio della corsa. Più che una squadra era la mia seconda famiglia. Ci siamo divertiti, imparato e condiviso nuove esperienze sempre “controllate dalle mamme” Elena Costa e Alicia Castañares che era la mia infermiera privata perché era rara la settimana in cui il mio corpo non aveva riportato lesioni.

Idioma